vienifuoriconme

Bricks, ristorante dog friendly

Locali dog friendly a Torino ne abbiamo? Certo che sì!
Sembrano essere lontani i tempi dove si vedevano, spesso e volentieri, i cartelli con un bel e grosso divieto sopra alla nostra figura e la scritta “Qui i cani non possono entrare”.
Da Bricks invece possono, eccome. Tutti i cani sono i benvenuti!

E pensate che il proprietario del locale, Carlo Ricatto, ne ha ben 5 tra i quali l’ultimo arrivato che vedete in foto e che mi ha accolto a zampe aperte!
Bricks a dicembre compie un anno e le premesse, a detta della mia padroncina, per crescere ancora, ci sono tutte.

La loro filosofia? Utilizzare i prodotti tipici del Piemonte per offrire una proposta genuina, di elevata qualità e a un prezzo competitivo. Da Bricks ci si può coccolare con le tapas, con i piatti della cucina e con le pizze anche gourmet che rispettano la stagionalità!

C’è un attenzione anche per i clienti vegetariani e vegani! E poi, il personale è davvero gentile e premuroso. Al sottoscritto hanno portato subito la ciotola con l’acqua:-)

Detto ciò, io sono stato bene e vi suggerisco di dirlo ai vostri compagni di avventure!
Annunci

Passeggiata ai laghi di Avigliana

In questa mia estate passata tra mare, parchi e montagne ho scoperto un luogo davvero bello a pochi chilometri da Torino: i laghi di Avigliana. Non che non li conoscessi ma non mi ero mai imbattuto nella passeggiata che vi racconto oggi.

Permettetemi di fare il cane colto: i laghi di Avigliana sono due piccoli laghi di origine morenica (grande e piccolo) che si trovano nella bassa Val di Susa (in Piemonte), ai piedi del Monte Pirchiriano su cui sorge una delle più importanti attrazioni turistiche del Piemonte, la Sacra di San Michele.

Quando vi troverete a costeggiare il lago grande lasciate la macchina nel parcheggio accanto al pub Bel Sugnè. Poco più avanti inizia l’itinerario a misura di cane:-)  Percorretelo sino ad incontare la passerella galleggiante che vi permetterà di camminare sull’acqua, una bella sensazione! Lungo il percorso troverete inoltre delle piccole spiaggette e sono sicuto che vi scapperà anche un tuffo!

E ora veniamo alle indicazioni pratiche. Come raggiungere i laghi? Prendete l’autostrada “A32” in direzione “Traforo del Frejus” fino alla uscita Avigliana-Giaveno. All’ingresso della cittadina seguite le indicazioni stradali e… vedrete il lago.
Buona passeggiata e al ritorno, non mancate di prendervi uno spritz sulla terrazza del pub affacciata sul lago:-)

A Balme per un giorno

Ed anche Ferragosto è passato. Ed io per riposarmi, come giustamente vuole la festa, sono andato a Balme nelle Valli di Lanzo.

Eh già, la mia città, Torino, ha la fortuna di essere circondata dalle montagne e c’è solo l’imbarazzo della scelta.

(altro…)

Un weekend nelle Valli di Lanzo

Siete mai stati a Groscavallo nelle Valli di Lanzo? Se non fosse, dovete quanto prima rimediare cari amichetti.
E’ un comune sparso, ovvero costituito da tante frazioni, a poco più di un’ora di auto da Torino.
Si sviluppa lungo il fiume Stura ed è dominato dal gruppo montuoso delle Levanne. Un paradiso per noi quattro zampe.
Io e la mia padroncina – non volendo fare una sola gita in giornata – abbiamo soggiornato presso il B&B Fermata Alpi Graie a 1226 metri di altitudine nella frazione Forno; è una bellissima casa in pietra – in passato abitata dal pittore Sobrile – che dispone di 5 camere accessibili a tutti e dog friendly e di un ristorante ad uso esclusivo degli ospiti. Guardate che bella…

Da qui è iniziata la nostra scoperta del territorio. Io vi consiglio, dopo una ricca colazione con i patè o filetti naturali della Pet’s Planet, di:
– passeggiare nella frazione di Forno Alpi Graie e Campo della Pietra per ammirare le antiche case;

– bagnare le zampette o addirittura fare il bagno nell’acqua fresca del fiume Stura;

– salire in quota verso la frazione Rivotti da dove parte il Sentiero Balcone per godere di una natura incontaminata e di una vista bellissima sulla valle e le montagne;

– salire in quota verso l’Albone, un posto che davvero mi è rimasto nel cuore, e passeggiare sino al Bec Di Mea, a circa 1530 mt, tra boschi meravigliosi.

Tutti i posti sono ovviamente vicini e a portata di zampa:-) Fate solo attenzione alla strada che sale verso la frazione Rivotti… a volte è un po’ strettina!
Vi ho convinti? Sono sicuro che anche i vostri padroncini vi ringrazieranno!

 

In seggiovia sino ai 13 laghi di Prali

Un po’ titubante lo ero. Guardavo in alto e pensavo: “Come arriviamo sino a lassù?”.
Con la seggiovia, la risposta. Meno male che per me non era la prima volta.
Non vi è un altro modo per raggiungere il vallone dei 13 laghi a ben 2460 metri di altezza.  Ma una volta arrivati, cari amichetti, rimarrete sopresi di fronte a tanta bellezza. Le montagne, nella loro maestosità, vi aspettano a braccia aperte. Toccherete il cielo con una zampa!
Questo paradiso si trova a Prali, in Val Germanasca, Piemonte.
Da Torino, basta percorre la A55 fino a Pinerolo, proseguire poi sulla SP23R fino a Perosa Argentina e seguire la strada che si inoltra nella valle e conduce all’ampia conca dove si trova Prali.  Raggiunta la piccola ma animata località, lasciate la macchina e percorrete la statale; pochi metri e arriverete alla seggiovia.

Una volta in alto – dovrete prendere due seggiovie – ci sono i cartelli che vi indicano i vari sentieri da percorrere in mezzo alla natura per raggiungere i diversi laghi ovvero  il Lago Nero, il Lago Bianco, il Lago della Drajo, il Lago dell’Uomo, i Laghi Gemelli, il Lago Primo, il Lago Lungo, il Lago Ramella (detto anche Lago dei Cannoni), i Laghi Verdi e il Lago della Noce.

Dopo una bella passeggiata potrete decidere se fermarvi a fare il pic nic in mezzo alle nuvole o se scendere con la prima seggiovia e fermarvi a pranzare presso il rifugio La Capannina dal quale si ha una vista mozzafiato.

Sono sicuro che vi divertirete un mondo: respirerete aria buona, vedrete fiori bellissimi e vi farete una bella grattatina alla schiena in quota. Cosa volere di più?

Alla prossima con #pixinviaggio:-)

In piscina nell’Astigiano

“Pixi, oggi andiamo in piscina”. “Nella mia piscina del cuore?”. “Si”.
Felice come una Pasqua (dite così voi umani no?) mi sono preparato lo zainetto e l’ho riempito di biscotti Pet’s Planet per mangiarli a merenda tranquillamente seduto su di uno sdraio all’ombra.

E non solo. Ho spazzolato una delle mie scatolette preferite: filetti di manzo e pollo. Buonissimi e altamente digeribili.
Presso La Corte, Relais di campagna, ho passato la mia giornata immerso tra i vigneti di Calamandrana, comune nell’Astigiano (in Piemonte) a pochi chilometri da Canelli e Nizza Monferrato.
Un paradiso per noi quattro zampe essendo tutta la struttura completamente dog friendly. Noi siamo i benvenuti in camera ma anche in tutti gli spazi comuni, compresa la bellissima piscina e il ristorante che regala una vista mozzafiato sulle colline.

Senza considerare che, a detta della mia padroncina, si mangia anche molto bene con ricette del territorio. Su richiesta possono anche prepararci la pappa.


Solo una piccola precisazione: la piscina non è sempre disponibile al pubblico esterno. Viene data ovviamente priorità di accesso agli ospiti che pernottano, quindi se volete andarci in giornata è necessario telefonare e verificarne la possibilità.
Io vi suggerisco comunque di regalarvi qualche giorno. E’ un posto bellissimo, un punto di partenza per fare bellissime passeggiate tra i vigneti oltre che tra i borghi dell’Astigiano.
E… soprattutto, di comportarvi sempre bene! Se non vi aiutano i vostri umani, facciamo vedere che la razza superiore siamo noi!
Ben ritrovati con la seconda parte del mio piccolo viaggio. Nella “scorsa puntata” vi avevo lasciati a Manosque dove abbiamo pernottato.
Dopo una breve visita del borgo ci siamo diretti in quella che è la terra della lavanda, conosciuta in tutto il mondo come “le plateau de Valensole” con il suo omonimo borgo.

Lungo l’itinerario siamo scesi più volte per ammirare lo spettacolo di distese infinite di lilla e viola.
Un leggero vento, inoltre, ha reso lo spettacolo ancora più bello. Anche noi, come tutti i turisti giunti da ogni parte del mondo, ci siamo fermati presso uno dei produttori che si incontrano e abbiamo comprato un mazzo di lavanda appena tagliato oltre che assaggiato dell’acqua fresca con lo sciroppo fatto con la pianta. Anche io l’ho potuto apprezzare… fresco e dissetante, per nulla dolce.

Superato il borgo di Valensole ci siamo diretti verso la nostra ultima tappa, le Gorges du Verdon (che presto vi racconterò), percorrendo una strada a dir poco stupenda, caratterizzata da dolci curve, circondata da campi di lavanda e girasoli.
Uno spettacolo cari amichetti che vi conosglio assolutamente di vedere:-)!

In Francia alla scoperta della lavanda 


Ammirare dal vivo le distese di lavanda che caratterizzano il dipartimento della Vaucluse e del Luberon, in Francia, era uno dei desideri della mia padroncina. Siamo stati via quattro giorni – essendo tanti i chilometri da percorrere – ma questa settimana vi racconto solo una parte del nostro viaggetto, seguiranno le altre.
Con me è partito anche il mio inseparabile zainetto e il cibo della Pet’s Planet:-)
Dopo la prima notte passata a Mougins – un bellissimo borgo sopra Cannes – siamo partiti alla volta di Gordes, villaggio arroccato su di una collina.

Da qui è iniziato il nostro itinerario alla scoperta della lavanda e delle sue immense distese che colorano il paesaggio di viola. Uno spettacolo.

Prima di arrivare a Gordes ci siamo fermati al museo della lavanda immerso nella profumatissima pianta. Merita una visita; c’è inoltre una graziosa area picnic completamente all’ombra.

Dopo un’oretta pronti e via verso la famosa abbazia cistercense di Senanque circondata dal lilla della lavanda. Che meraviglia amichetti… guardate le foto.


La nostra giornata è continuata con la visita al villaggio di Roussillon, il paese rosso, famoso per i suoi sentieri dell’ocra che anche noi quattro zampe possiamo percorrere, al guinzaglio e senza pagare il biglietto!


Stanchi ma felici abbiamo cenato e passato la notte all’hotel Best Western Le Sud a Manosque, struttura dog friendly; pensate che mi hanno anche preparato la cena su indicazione della mia padroncina che gli aveva scritto qualche giorno prima del nostro arrivo!

Qui finisce la prima puntata di questo piccolo viaggio.

#pixinviaggio vi da appuntamento alla prossima settimana!

Passo dopo passo a Cap d’Antibes

Forza cucciolo, preparati. Oggi facciamo una bellissima passeggiata, quella di Cap D’Antibes“.

???…

È iniziata così una delle mie giornate durante un fine settimana trascorso in Costa Azzurra. E io che pensavo di rilssasrmi su di una spaiggia con accanto la mia adorata pallina!
E dopo una ricca colazione sana e naturale con i prodotti della Pet’s Planet consigliata dal mio consulente nutrizionale… pronti, partenza e via.
Abbiamo lasciato la macchina al parcheggio a ridosso della plage de la Garoupe e zaino in spalla abbiamo seguito il percorso bordo mare.

Un vero e proprio spettacolo della natura. In questo post lascio però che siano le foto a parlare. Io posso solo dirvi che è un itineario che non dimenticherete mai, in mezzo alla natura e alla portata di tutti, pigri e meno giovani; e, soprattutto,  potete tornare indietro quando volete.


E nonostante sia quasi tutto sotto il sole potrete, spesso e volentieri, bagnarvi le zampette o fare dei piccoli bagni per rinfrescarvi.


Vi consiglio solo di partire presto alla mattina e occhio ai colpi di sole. Proprio per evitarli la mia padroncina non perdeva occasione di bagnarmi:-) anche quando non volevo…


Guardate che vista meravigliosa…

Il guardiano del faro…

E sulla via del rientro ho ancora avuto la forza di giocare con degli amichetti…

Una giornata tra i fiori

Oggi la mia padroncina mi ha portato in un giardino davvero speciale, il giardino di Villa Taranto.


Chiamarlo così è davvero riduttivo. E’ un vero e proprio parco, ricco di fiori e piante di ogni specie, situato a Verbania, tra Intra e Pallanza, sul bellissimo Lago Maggiore.


Noi quattro zampe siamo i benvenuti e possiamo entrare al guinzaglio. MA… dobbiamo comportarci in modo educato e rispettoso senza andare nei prati e, possibilmente, senza fare i nostri bisognini. Per due orette potete resistere vero?


Villa Taranto rappresenta inoltre uno dei giardini botanici più importanti del mondo con migliaia di specie di piante e fiori provenienti da ogni luogo ed armoniosamente distribuite sopra un’area di circa 16 ettari, attraversata da 7 km di viali. Guardate che meraviglia…

 

Passerete delle ore bellissime tra la natura, i colori e i profumi. Nel giardino non c’è molta ombra ma troverete dei grandi alberi che un po’ vi proteggeranno:-)


Questo è uno dei posti del cuore, mio e della mia padroncina e almeno una volta all’anno ci regaliamo una gita in questo paradiso.

Ditelo ai vostri padroncini… vi ringrazieranno!
 

 

 

 

 

Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.